Ferrara, città che ammalia

Inviami una notifica quando questa guida sarà disponibile:

NESSUNA VISITA ATTUALMENTE IN PROGRAMMA

Scrivici e chiedici di riprogrammare questa visita!

Elegantemente adagiata nella bassa, coronata da mura possenti, ecco Ferrara apparirci dormiente e regale nella nebbia che sovente l’avvolge. Straniante nelle sue piazze deserte e nei vicoli silenziosi, ella sembra avvolta da un velo di riserbo e mistero.

Il fascino degli scorci medievali si fonde alla luminosità di strade e testimonianze rinascimentali, per le quali Ferrara è stata definita la “prima città moderna d'Europa”.

Chi la visita oggi resta conquistato dalle atmosfere rilassate (non a caso è nota anche come “città delle biciclette”), dalla vivacità culturale e dai tesori artistici. 
Ogni angolo della cittadina è ricco di fascino e di storia e il centro storico, uno tra i meglio conservati del nostro paese, è da tempo classificato dall'UNESCO Patrimonio dell'Umanità: l’antica capitale della signoria degli Estensi, dunque, mostra ancora i fasti del suo glorioso passato.

Il Castello d’Este, emblema  cittadino, ci parla dei regnanti simbolo di Ferrara, gli Estensi, famiglia tra le più potenti d’Europa, sotto la cui signoria Ferrara divenne un centro culturale e universitario di primissimo piano. Tante le personalità che vissero nella città estense a testimonianza della sua importanza in tutti i settori della vita intellettuale: dai poeti Ludovico Ariosto e Torquato Tasso allo scienziato Niccolò Copernico, dai pittori Andrea Mantegna e Tiziano al  filosofo Giovanni Pico della Mirandola e il celebre umanista Pietro Bembo.

Il nostro tour toccherà tutti i principali luoghi di interesse:  dal  Castello Estense al Duomo dedicato a San Giorgio,  dai chiostri silenziosi dei monasteri ai meravigliosi affreschi di Palazzo Schifanoia  - la dimora destinata allo svago della famiglia estense.  Respireremo il  fascino immutato delle viuzze dell'antico Ghetto Ebraico e della emozionante via delle Volte,  ci stupiremo di fronte alla  straordinaria mole del Palazzo dei Diamanti - progettata nel 1493 dall’architetto Biagio Rossetti con 8.500 blocchi di marmo bianco striati di rosa. Passeggeremo lungo le ampie strade, tra i maestosi palazzi e i rigogliosi parchi dell’Addizione Erculea, la parte rinascimentale della città.

Per finire, visiteremo, poco distante da Ferrara, l’Abbazia di Pomposa  con il suo svettante campanile che domina altissimo le piatte terre del Delta.  L’abbazia fu  fondata nel VII secolo dai monaci benedettini che si stabilirono su quella che era anticamente un’isola compresa tra due rami del Po. L'Abbazia di Pomposa diventò - nel Medioevo - una delle più prospere e potenti abbazie dell’Italia settentrionale, un caposaldo della cultura non solo dei territori circostanti ma di tutta l’Italia centro-settentrionale, meritandosi l’appellativo di «monasterium princeps». Della stagione d’oro del grande complesso monastico si possono ancora ammirare l’architettura romanica della chiesa, l’elegante campanile, ma soprattutto gli affreschi trecenteschi, che rimandano all’arte di Giotto e il bellissimo pavimento a mosaico con intarsi di preziosi marmi collocati tra il VI e XII secolo.

"Ebbi una grande folgorazione in un paesaggio incantato; il grande castello Estense dominava sulla piazza silente, immobile. In quel momento ebbi l'idea distaccata della realtà, oltre la fisica, la metafisica" - Giorgio De Chirico

Itinerario

SABATO
8.00. Partenza da via Paleocapa, angolo via Jacini (260 km; 3h½ circa).
12.00. Cattedrale (esterni) e Museo della Cattedrale .
13.00-14.30. Pranzo libero.
15.00. Visita Monastero di  Sant’Antonio in Polesine. 
16.20. Visita a Palazzo Schifanoia e alla Palazzina di Ludovico il Moro
18.30 Check in presso Hotel 4 Stelle in Piazza Castello (davanti al Castello Estense)
Cena libera

DOMENICA
9.00-10.00. Visita al Castello Estense 
10.00-12.00. Passeggiata nell’Addizione Erculea, con tappe alla cella del Tasso,  Quadrivio dei Diamanti, certosa di San Cristoforo e Cimitero (con tombe di Previati, De Pisis, Boldini), Mura degli Angeli e Cimitero Ebraico. 
12.00-13.00 Trasferimento a  Pomposa
13.00 14.30 Pranzo organizzato
14.30 15.30 Visita all’Abbazia di Pomposa, salita al campanile facoltativa
15.45 - 19.15/30 Rientro a Milano

IL PROGRAMMA POTREBBE SUBIRE DELLE VARIAZIONI NELLA DISPOSIZIONE GIORNALIERA DELLE SINGOLE VISITE, MA NULLA CAMBIERÀ NELLA SOSTANZA.

Informazioni aggiuntive

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE

QUOTA IN CAMERA TRIPLA : € 192
QUOTA IN CAMERA DOPPIA: € 199
QUOTA IN CAMERA SINGOLA: € 199 + € 25 di supplemento singola

LA QUOTA COMPRENDE
- Trasferimenti in pullman Granturismo
- Pernottamento in Hotel 4 Stelle in centro città (Piazza Castello), prima colazione e tassa di soggiorno
- Tutti gli ingressi a pagamento previsti nell’Itinerario: Museo del Duomo, Palazzo Schifanoia, Palazzina di Marfisa, Castello Estense, Abbazia di Pomposa, Offerta Monastero di Sant’Antonio in Polesine
- Guide ed assistenza culturale durante tutto lo svolgimento dell’itinerario
- Il pranzo del 6 Marzo
- Tasse e percentuali di servizio.
- Assicurazione Viaggio


LA QUOTA NON COMPRENDE
- I pasti non menzionati alla voce “La quota comprende”
- Extra di carattere personale
- Quanto non indicato in “la quota comprende”

Termini di cancellazione delle prenotazioni

Fino a 60 giorni prima della partenza (rimborso 90%);
Fino a 45 giorni prima della partenza (rimborso 50%);
Nessun rimborso oltre ai termini sopra indicati. Possibilità di subentro di un'altra persona, proposta dall'iscritto al viaggio.
I nostri Fuori Porta si svolgono con qualsiasi condizione metereologica (salvo cataclismi).
Nessun rimborso è previsto per disdette in caso di pioggia, neve o altro.
Vi preghiamo di tenerne conto in fase di prenotazione e pagamento.
Grazie per la collaborazione! Vi aspettiamo.

Torna su