Santa Maria della Passione: uno scrigno d'arte nel cuore di Milano - miguidi
Santa Maria della Passione: uno scrigno d'arte nel cuore di Milano - miguidi
Santa Maria della Passione: uno scrigno d'arte nel cuore di Milano - miguidi
Santa Maria della Passione: uno scrigno d'arte nel cuore di Milano - miguidi
Santa Maria della Passione: uno scrigno d'arte nel cuore di Milano - miguidi

Santa Maria della Passione: uno scrigno d'arte nel cuore di Milano

Prezzo di listino
Esaurito
Prezzo scontato
€0,00
Prezzo unitario
per 

 

DESCRIZIONE

NESSUNA VISITA ATTUALMENTE IN PROGRAMMA

Scrivici e chiedici di riprogrammare questa visita!

Spostandosi di poco da San Babila, in una delle zone più belle di Milano, si raggiunge la seconda Chiesa per dimensioni della nostra città e certamente una tra le maggiori per l'importanza della sua dotazione d'arte: la Chiesa di Santa Maria della Passione. Santa Maria della Passione viene considerata uno dei più bei monumenti del tardo Rinascimento milanese, anche se alcune parti  sono barocche. Una chiesa che incanta, con affreschi e tele di grande bellezza, oltre che per i preziosi organi a canne e gli altari in marmi pregiati.

Sono racchiude qui un grandissimo numero di opere pittoriche di grande pregio, firmate dai maggiori artisti del Cinquecento e del Seicento (Daniele Crespi, Simone Peterzano, Gaudenzio Ferrari, solo per citarne alcuni); e, - dulcis in fundo -  la stupefacente Sala Capitolare ove si possono ammirare bellissimi affreschi di Ambrogio da Fossano, detto il Bergognone, che qui ha concepito una sorta di galleria di ritratti sacri su sfondi paesaggistici, uno scenario di grande suggestione.

Il cuore della Basilica è l'ottagono centrale, mentre i pilastri ospitano otto quadri raffiguranti momenti della Passione di Cristo, in una sorta di Via Crucis.
La Chiesa nelle sue strutture originarie risale agli anni di Ludovico il Moro. La costruzione fu intrapresa nel 1486 da Giovanni Battagio e portata avanti dall'architetto Cristoforo Lombardo, detto il Lombardino. Si deve a quest'ultimo la realizzazione della Cupola nel 1530. Nel 1573 Martino Bassi fece costruire tre lunghe navate e allungò il braccio anteriore convertendo in questo modo la pianta iniziale della chiesa che da croce greca divenne croce latina. La ricca facciata barocca, con tutti i suoi ornamenti e le sue statue, si deve invece a Giuseppe Rusnati, che la realizzò tra il 1692 e il 1729.

Fin dagli albori, la Chiesa di Santa Maria della Passione è stata sede di importanti eventi musicali. Per questa ragione, tra il XVI e il XVII secolo furono realizzati due organi dialoganti, posti uno in fronte all’altro: si tratta dell'unica chiesa in Lombardia dotata di questa particolarità. Quello di destra risale al 1558 e fu costruito dal celebre organaro Antegnati, quello di sinistra fu creato da Cristoforo Valvassori, padre anche dell’organo del Duomo di Milano.

Accanto alla chiesa, a chiudere lateralmente il sagrato pavimentato con i ciottoli, alla maniera tipicamente lombarda, il monastero con il suo chiostro: soppresso da Napoleone, oggi è sede del Conservatorio Giuseppe Verdi.

Cerchi una visita guidata su misura?

Mi Guidi organizza visite guidate personalizzate per gruppi già precostituiti dagli 8 partecipanti in su.

Per avere maggiori informazioni scrivici una mail a info@miguidi.it indicando nell'oggetto VISITA GUIDATA PERSONALIZZATA oppure chiamaci al 328 3846632.

Chiedi Informazioni

Compila il form di contatto per essere subito contattato, oppure contattaci all'indirizzo
info@miguidi.it o al numero di telefono +(39) 328 3846632


Santa Maria della Passione: uno scrigno d'arte nel cuore di Milano
Apri
Torna su