Milano peccaminosa: storie di case chiuse nel centro cittadino

Prezzo

€ 12

IL PAGAMENTO SI EFFETTUA IN LOCO IL GIORNO DELLA VISITA

Durata visita

1 ORA E 15 MINUTI CIRCA

Luogo incontro

Piazza Fontana, davanti alla Fontana

Ticket
Data

Descrizione

La zona del verziere era adibita alla prostituzione dal medioevo,  ma il  quartiere era noto ancora nel 600 perché le prostitute che esercitavano lì non si ammalavano di peste per la presenza della polvere di carbone che veniva scaricato in via Laghetto, dove si trovava una delle case meno nobili ma più famose e ricche di aneddoti, il Poslaghett.

Le ragazze esercitavano nelle vie malfamate del Bottonuto, tra via Larga , Albricci e Piazza Missori in casa chiuse a basso costo e fatiscenti.

Tuttavia, in piazza Santo Stefano si trovava uno dei bordelli più "patriottici" di Milano, con le ragazze che si improvvisarono crocerossine durante il Risorgimento. In mezzo a storia, storie e povertà i bordelli eleganti di via Bergamini e via Chiaravalle con le ragazze italiane e straniere più belle.

Si finisce vicino a San Nazaro per ricordare il bordello d'elite dove era stato beccato dalla stampa persino Vittorio Gassman, bordello   assai particolare perché era rivolto a un pubblico gay che faceva parte del mondo dello spettacolo.

Torna su