Milano della perdizione: l'amore al tempo dei bordelli

 

Prezzo

€ 12 - il prezzo comprende: visita guidata condotta dai nostri professionisti + sistema di microfonaggio per una migliore fruizione della visita (al raggiungimento dei 15 partecipanti).

Durata visita

1 ora e 30 minuti circa

Ritrovo

10 minuti prima 

Luogo incontro

Davanti alla Pinacoteca di Brera, via Brera 28 - Milano 

Data
Pagamento

Descrizione

Sulle tracce del mestiere più antico del mondo, nei vicoli di uno dei quartiere più glam di Milano: Brera. 

Qui un tempo, fino a quando la Legge Merlin - ormai più di mezzo secolo fa - stabilì l’abolizione della regolamentazione della prostituzione in Italia e la soppressione delle case di tolleranza,  si respirava aria di perdizione, miseria, bohème.

Spesso ignari della sua storia, ci aggiriamo nell’intrico di stradine, lastricate da un acciottolato vecchia Milano.

Questa volta, invece, spieremo dal buco della serratura nelle stanze del peccato, per rievocare l’atmosfera di quegli anni:  colori, luci soffuse, pizzi, merletti, giarrettiere e signorine del piacere dai fantasiosi nomi d’arte, dei più disparati/disperati.

Il casino più celebre, il "Fior ciar" sorgeva in via Fiori Chiari al 17, nel cuore di Brera, ma era solo uno dei tanti. Erano decine, infatti, i bordelli in attività, luoghi dove trascorrere una serata tra amici, ma anche dove imparare l’arte amatoria.  

Ripercorreremo la storia a luci rosse di questo quartiere, ricco di contraddizioni e fascino, un pezzo di storia e costume della nostra città.

Torna su