Leonardo e la Sala delle Asse!

Prezzo

€ 22 - il prezzo comprende: biglietto d'ingresso al Castello + visita guidata condotta dai nostri professionisti + sistema di microfonaggio per una migliore fruizione della visita (al raggiungimento dei 15 partecipanti).

Durata visita

2 ore circa

Ritrovo

10 minuti prima 

Luogo incontro

Davanti al Castello, sotto la Torre del Filarete

Data

Descrizione

“In tempo di pace credo satisfare benissimo ad paragone de omni altro in architectura, in composizione di edificii et pubblici et privati […]. Item, conducerò in sculptura di marmore, di bronzo et di terra, similiter in pictura, ciò che si possa fare ad paragone de onni altro, et sia chi vole.”

In tempo di pace reputo di poter essere gradito più di chiunque altro nella progettazione di edifici pubblici e privati […]. Al contempo realizzerò qualunque cosa sotto forma di scultura in marmo, bronzo e terracotta, lo stesso farò in pittura.

Siamo nel 1482 e il trentenne Leonardo presenta un primordiale curriculum a Ludovico il Moro. In quest’ultima parte, che segue la ben più cospicua porzione sulle abilità di ingegnere bellico, il genio è interessato a presentare al futuro protettore anche lei sue doti artistiche. Sedici anni dopo, realizza l’affresco che, ad oggi, resta la sua unica grande opera commissionata dal Moro per celebrare i suoi fasti: la decorazione della Sala delle Asse.

La Sala prende il nome dalle asse lignee che in precedenza rivestivano il locale in funzione di mantenimento termico. Quella stessa stanza fu poi finemente affrescata da Leonardo con motivi arborei pieni di graziosi particolari, raffinati intrecci di rami, bacche dall’invitante aspetto e fiori.

Il genio di Leonardo e il carisma del Moro ci lasciano uno straordinario capolavoro recentemente riscoperto, un’opera preziosa e piena di fascino che risale allo stesso periodo dell’Ultima Cena.

La tecnica di affresco sperimentale utilizzata per decorare la Sala delle Asse richiede un impegnativo lavoro di restauro, ma questo ci restituisce oggi un’opera dal buono stato conservativo, che mostra di nuovo uno splendore molto vicino a quello che un tempo rendeva.
In occasione del cinquecentenario della scomparsa di Leonardo, l’apertura di un vero e proprio capolavoro!

Torna su