La certosa di Garegnano

NESSUNA VISITA ATTUALMENTE IN PROGRAMMA

Scrivici e chiedici di riprogrammare questa visita!

Si diceva di Giovanni Visconti che, dopo la morte del fratello Luchino, dovette governare la città ma - essendo anche Arcivescovo di Milano -  realizzò che tempo per la preghiera ne rimaneva veramente poco o niente; la Certosa, dunque,  sita in aperta campagna, nel silenzio e nella solitudine, venne concepita proprio per consentire ai monaci di pregare per la vicina città e per i suoi reggenti.

Seriamente minacciata per lungo tempo dal brigantaggio - che sottrasse al complesso buona parte dei suoi averi - la Certosa fu condotta a nuova prosperità da Carlo Borromeo, che ne decise la totale ristrutturazione a fine Cinquecento donandole l’aspetto tardo rinascimentale e barocco che tutt’oggi conserva.

Un luogo carico di storia, arte (celebre il ciclo pittorico di Simone Peterzano -maestro di Caravaggio- di Daniele Crespi e Bernardino Zenale), nonché dell’eco dei passi di importantissimi ospiti e visitatori tra i quali Francesco Petrarca, ma non solo.

Inviami una notifica quando questa guida sarà disponibile:

Torna su