CORSO: Un giorno nell'antica Roma

CORSO: Un giorno nell'antica Roma

Prezzo di listino
€88,00
Prezzo scontato
€88,00
Prezzo unitario
per 

mezzi

PAGAMENTO

€ 88 - per tutto il corso di 4 lezioni 

mezzi

DURATA

4 lezioni da 1 ora circa ciascuna + lo spazio dedicato all'interazione con il nostro storico dell'arte.
Il corso è in diretta tramite la piattaforma di zoom

single-man

LUOGO DI RITROVO

Comodamente dal casa vostra!
È sufficiente avere un pc o uno smartphone con connessione Internet per partecipare al corso.

single-man

ORARIO DI RITROVO

10 minuti prima. 
Una volta effettuata l'iscrizione, riceverai un link che dovrai cliccare nel giorno e nell'ora del tuo corso.
Ti invieremo il link qualche giorno prima della visita, in modo tale che tu possa farci tutte le domande del caso. 
Non ti preoccupare, ci saremo noi a supportarti!

I NOSTRI PLUS

  • Il corso sarà tenuto dal Dott.ssa Valeria Gerli, archeologa e storica dell'arte 
  • Il corso avrà luogo al raggiungimento dei 15 partecipanti

DESCRIZIONE

Come si viveva a Roma 2000 anni fa?
Il corso intende offrire una ricostruzione storicamente fedele della vita che si svolgeva quotidianamente a Roma nel primo secolo d.C., cioè nel primo secolo dell'impero, momento di massima prosperità e felicità, quando Roma acquisì il suo volto monumentale ed "eterno", ancora oggi ben presente nelle sue possenti vestigia e suggestive memorie: dal Pantheon al Colosseo, da Piazza Navona al Palatino. Proviamo allora a muoverci nella città antica come comuni cittadini dell'epoca e a trascorrere una giornata immaginaria ed esemplare di storia rivissuta. Le faccende domestiche, le occupazioni quotidiane, le cerimonie religiose, gli spettacoli pubblici, i piaceri delle terme saranno rievocati attraverso le parole degli antichi scrittori, da Orazio a Seneca, e le immagini degli antichi monumenti, dei loro resti e delle loro ricostruzioni grafiche. 

Programma e date delle lezioni:

Prima puntata: Spazi privati: domus insulae villae e palazzi - mercoledì 18 novembre ore 18:00
Come e dove vivevano un milione circa di persone nell'antica Roma? 
Oltre alle ampie e lussuose domus (case) delle famiglie agiate di tradizione repubblicana, nella Roma imperiale furono costruiti numerosi condomini multiappartamento (cosiddette insulae), dove agli ultimi piani, scomodi e perennemente esposti a rischio incendi, trovavano un alloggio economico i meno abbienti, tra cui spesso anche artisti e poeti in cerca di fama. Solo i più ricchi (cioè i membri della famiglia imperiale o personaggi ad essa legati), potevano permettersi il lusso ed il piacere di una vera villa in città, sfruttando gli ampli spazi verdi dei colli che cingono il centro storico di Roma, ben arieggiati, lontani dal caos, ma ugualmente vicini al centro del potere. Un intero colle fu invece prescelto dagli imperatori a loro dimora, il colle Palatino (da cui la parola Palazzo, sede della corte e del potere per antonomasia), al centro del cerchio dei 7 colli.

Seconda puntata: Spazi pubblici - mercoledì 25 novembre ore 18:00
Per fortuna di coloro che vivevano in pergula o caenacula (cioè nei più squallidi e poveri alloggi ricavati nei sottotetti o nei retrobottega), la vita quotidiana trascorreva prevalentemente fuori casa, nei monumentali spazi pubblici di cui la città era ampiamente dotata, tutti fruibili gratuitamente!

Alla mattina a popolarsi di vita erano i portici e le piazze, in particolare quella centrale del foro romano, dove era possibile sbrigare faccende di lavoro, di natura commerciale o giudiziaria, o semplicemente bighellonare ammirando opere d'arte o improvvisare un gioco d'azzardo, in attesa che suonasse la campana dell'apertura delle terme! E così il pomeriggio trascorreva tra esercizi ginnici, igiene del corpo (fondamentale per tutta la gran massa di persone che non disponeva di un bagno a casa) ma anche pubbliche relazioni ed intrattenimenti più colti, come concerti e letture. E in età imperiale i grandi complessi termali, veri centri di benessere polivalenti, davvero non mancavano a Roma, visto che ogni imperatore si curò di farne realizzare uno come atto di liberalità verso il popolo della città.

Terza e quarta puntata: Cerimonie sacre e spettacoli - mercoledì 2 dicembre ore 18:00 e mercoledì 9 dicembre ore 18:00

Per gli abitanti di Roma, ricchi o poveri che fossero, erano davvero numerose le giornate festive, durante le quali, sospese le attività lavorative, si assisteva gratuitamente e collettivamente a cerimonie religiose e spettacoli, allora intimamente connessi gli uni con gli altri. Può sembrare strano dopo secoli di cultura cristiana immaginare che in origine tutti gli spettacoli, da quelli scenici a quelli circensi (recite, corse di carri e cavalli....) erano una forma di culto agli dei: venivano infatti organizzati a spese pubbliche in occasione delle feste religiose ed essendo davvero numerose le divinità pagane, le occasioni certo non mancavano. 
Poi, su quello sacro, prevalse l'aspetto di intrattenimento e oltre ai tradizionali templi sorsero anche monumentali architetture specializzate per i vari tipi di giochi (ludi): circo, teatro, anfiteatro. Ma anche uno stadio, per gare atletiche come nell'antica Grecia, l'attuale piazza Navona.....  

Cerchi una visita guidata su misura?

Mi Guidi organizza visite guidate personalizzate per gruppi già precostituiti dagli 8 partecipanti in su.

Per avere maggiori informazioni scrivici una mail a info@miguidi.it indicando nell'oggetto VISITA GUIDATA PERSONALIZZATA oppure chiamaci al 328 3846632.

Chiedi Informazioni

Compila il form di contatto per essere subito contattato, oppure contattaci all'indirizzo
info@miguidi.it o al numero di telefono +(39) 328 3846632


CORSO: Un giorno nell'antica Roma
Apri
Torna su