Notice
  • There was a problem rendering your image gallery. Please make sure that the folder you are using in the Simple Image Gallery Pro plugin tags exists and contains valid image files. The plugin could not locate the folder: media/k2/galleries/1707

Visitare Milano

NOVITÀ
BAGGIO E IL SUO FAMOSO ORGANO

Vota questa visita
(8 Voti)

Galleria immagini

{gallery}1707{/gallery}

Quest'area fu denominata Baggio soltanto nel Medioevo. In seguito alle distruzioni barbariche, nell'881 d.C., un nobile di nome Tazone ordinò la ricostruzione del borgo, facendo erigere nuovamente l'antica torre di osservazione ed una chiesa dedicata a Sant'Apollinare. In epoca longobarda l'abitato divenne sede di una "fara", una corte fortificata. Il periodo d'oro di Baggio fu quello compreso fra IX e XII secolo, quando la famiglia omonima ne fece un importante centro economico e militare. Il maggior esponente della famiglia fu Anselmo, che in seguito divenne Papa con il nome di Alessandro II. La cittadina, nel corso del tempo, è sempre stata indipendente da Milano, e fondata su un'economia di tipo agricolo. Nel XV secolo, i suoi cittadini presero ad allevare bachi da seta, attività che diede un notevole impulso al settore tessile. Con l'avvento del XX secolo, molti milanesi presero a trasferirsi a Baggio, dove gli affitti e i terreni costavano meno che nel capoluogo. La strada che collegava il centro abitato con Milano era detta "Baggina", una via percorsa quotidianamente da centinaia di operai diretti nel capoluogo lombardo. Un decreto reale siglato nel 1923, infine, fece sì che Baggio fosse annessa a Milano. 

Tema ricorrente è l'organo di Baggio, riconoscimento assegnato a tutti coloro che si sono distinti per animare e far rivivere il quartiere. Tali riconoscimenti includono un buon numero di attività differenti e derivano il nome da un antico detto locale che recita: "Và a Bagg a sonà l'ôrghen", ovvero "va' a Baggio a suonare l'organo". Questo modo di dire si riferiva alla presenza di un grande organo dipinto all'interno della chiesa di Baggio, realizzato per sopperire alla mancanza di uno strumento vero. Oggi, il detto potrebbe sembrare fasullo a chi visita la chiesa di Sant'Apollinare, considerata la presenza dell'organo realizzato dall'artigiano Edoardo Rossi nel 1926. 

Informazioni sulla visita

  • Orario: 15.30
  • Durata della visita: 1 ora e 30 minuti circa
  • Prezzo: € 12 - IL PAGAMENTO SI EFFETTUA IN LOCO IL GIORNO DELLA VISITA
  • Luogo di incontro: Davanti alla Chiesa di Sant'Apollinare-Via Antonio Ceriani, 3, 20153 Milano
Prenotati
Logo star-snippets.com