Sant'Ambrogio e la sua basilica - miguidi

Sant'Ambrogio e la sua basilica

Prezzo di listino
€0,00
Prezzo scontato
€0,00
Prezzo unitario
per 

Prezzo

€ 12 - il prezzo comprende: visita guidata condotta dai nostri professionisti + sistema di microfonaggio per una migliore fruizione della visita (al raggiungimento dei 15 partecipanti).

Durata visita

1 ora e 30 minuti circa

Ritrovo

10 minuti prima 

Luogo incontro

Piazza Sant'Ambrogio, davanti alla Basilica - Milano 

 

Aveva scelto la carriera di magistrato – seguendo le orme del padre, prefetto romano della Gallia – e, all’età di 30 anni, Ambrogio era già console di Milano, a quel tempo una delle quattro capitali dell’Impero Romano d’Occidente. Milano, è il 7 Dicembre del 374 d.C. Cattolici e Ariani si contendono il diritto di nominare il nuovo vescovo. Spetta ad Ambrogio il compito di garantire in città l’ordine pubblico. Egli parla alla folla con tale buon senso e autorevolezza che si leva un grido “Ambrogio Vescovo”... comincia così la sua nuova vita. Dotato di forte personalità, ottime capacità oratorie e grande carisma, Ambrogio trasformerà Milano in capitale della cristianità, lasciando un segno tale da essere tutt’ora, a distanza di secoli, il Santo Patrono della nostra città. Visiteremo La basilica da lui voluta e fondata e che ancora ne contiene i resti. Sorta sull’area cimiteriale ad Martires, fuori Porta Vercellina, la basilica è un caposaldo dell'identità cittadina e della chiesa ambrosiana. Considerata il più importante esempio di architettura romanica lombarda, custodisce preziosi reperti ed opere d'arte che documentano circa 1600 anni di storia della città.

Descrizione

Aveva scelto la carriera di magistrato – seguendo le orme del padre, prefetto romano della Gallia – e, all’età di 30 anni, Ambrogio era già console di Milano, a quel tempo una delle quattro capitali dell’Impero Romano d’Occidente.
Milano, è il 7 Dicembre del 374 d.C. Cattolici e Ariani si contendono il diritto di nominare il nuovo vescovo. Spetta ad Ambrogio il compito di garantire in città l’ordine pubblico. Egli parla alla folla con tale buon senso e autorevolezza che si leva un grido “Ambrogio Vescovo”... comincia così la sua nuova vita.

Dotato di forte personalità, ottime capacità oratorie e grande carisma, Ambrogio trasformerà Milano in capitale della cristianità, lasciando un segno tale da essere tutt’ora, a distanza di secoli, il Santo Patrono della nostra città.

Visiteremo La basilica da lui voluta e fondata e che ancora ne contiene i resti. Sorta sull’area cimiteriale ad Martires, fuori Porta Vercellina,  la basilica è un caposaldo dell'identità cittadina e della chiesa ambrosiana. Considerata il più importante esempio di architettura romanica lombarda, custodisce preziosi reperti ed opere d'arte che documentano circa 1600 anni di storia della città.

Sant'Ambrogio e la sua basilica
Apri
Torna su