La Pinacoteca Ambrosiana | miguidi |
La Pinacoteca Ambrosiana | miguidi
La Pinacoteca Ambrosiana | miguidi
La Pinacoteca Ambrosiana | miguidi
La Pinacoteca Ambrosiana | miguidi

La Pinacoteca Ambrosiana

Prezzo di listino
€23,00
Prezzo scontato
€23,00
Prezzo unitario
per 

Prezzo

€ 23 - il prezzo comprende: biglietto d'ingresso alla Pinacoteca Ambrosiana + visita guidata condotta dai nostri professionisti + sistema di microfonaggio per una migliore fruizione della visita (al raggiungimento dei 15 partecipanti).

Durata visita

1 ora e 30 minuti circa

Ritrovo

10 minuti prima 

Luogo incontro

Piazza Pio XI 2 - Milano

 

Completato il restauro del Cartone di Raffaello della Scuola di Atene

Descrizione

Costituita nel 1618, è il più antico museo milanese aperto grazie alla donazione del Cardinale Federico Borromeo e arricchito da successivi lasciti.
All’epoca della donazione del 1618, si contavano circa 250 dipinti tra originali e copie (una trentina); ora si contano più di 1.500 opere su tavola, su tela e su rame. Sono visibili capolavori quali il "Musico" di Leonardo da Vinci, la "Madonna del Padiglione" di Botticelli, la "Canestra di Frutta" di Caravaggio e l'"Adorazione dei Magi" di Tiziano, il grande cartone di Raffaello raffigurante la Scuola d’Atene che presenta alcune piccole varianti rispetto all’affresco vaticano.

La Pinacoteca e la Biblioteca Ambrosiana devono la loro nascita al cardinale Federico Borromeo che aprì la biblioteca nel 1609 e fondò la pinacoteca nel 1618. Tre anni dopo la sua fondazione, la pinacoteca fu ampliata con un'accademia per lo studio di pittura e scultura dove il Cerano fu il primo insegnante. Alla fine del secolo fu istituita una seconda accademia per volere di Antonio Busca e Dionigi Bussola. La Biblioteca e la Pinacoteca sono sempre state fortemente collegate ed entrambe hanno raccolto opere di epoca umanistica e rinascimentale. Obiettivo del cardinale Borromeo era infatti creare un polo artistico per la diffusione delle arti e per la formazione di chiunque avesse talento e desiderio di apprendere da grandi maestri le arti pittoriche e scultoree. Nel 1637 Galeazzo Arconati donò alla biblioteca i manoscritti di Leonardo, attualmente conservati all'Institute de France. La collezione presente oggi presso la pinacoteca vanta numerose opere provenienti dall'originale collezione di Borromeo, ampliata nei secoli da numerose altre donazioni.

Tra i suoi tesori anche il Codice Atlantico di Leonardo da Vinci con i suoi 1750 disegni di carattere tecnico-scientifico esposto al pubblico fino al 2015.

Indubbiamente uno dei musei più belli di Milano.

 

La Pinacoteca Ambrosiana
Apri

Cerchi su misura?

Per avere maggiori informazioni scrivici una mail a info@miguidi.it indicando nell'oggetto PERSONALIZZATO oppure chiamaci al 328 3846632.

Chiedi Informazioni


Torna su