L'antico borgo di Gorla

“La gradita posizione di questo villaggio, sul grandioso vialone che conduce alla villa di Monza, lo rende frequentatissimo dai milanesi, che la domenica vi passano il pomeriggio in liete mense e piacevoli sollazzi.”

Gorla è un borgo di riviera, un’oasi di campagna alle porte della città. Il borgo, infatti, era situato a cavallo tra la città e la campagna, il posto ideale per la giovane borghesia che poteva trovare qui un’ottima sistemazione durante la stagione estiva. Non troppo lontano dalla città, per non annoiarsi della vita in campagna, e nemmeno dentro la città per soffrirne la calura di quei mesi. Infatti si andava lungo il naviglio per godere dei piaceri del fresco e dei piaceri della buona tavola. Immaginate le carrozze trainate da cavalli che percorrevano i lunghi viali cittadini sino a raggiugere il naviglio con i suoi parchi, giardini e orti.
Incominciarono a nascere le “case da nobili”, tanto che Gorla iniziò ad essere conosciuta con il nome di “piccola Parigi” per l’atmosfera che ricreava.

Dal delizioso ponte vecchio, costruito nel 1703, unico punto di attraversamento del borgo di Gorla, alle ville con giardino, tra cui spicca Villa Finzi, elegante edificio in stile neoclassico con il suo splendido parco.

All’interno sorgono il famoso tempio della Notte, un tempio sotterraneo, simile ad una grotta, che un tempo era usato come ghiacciaia, e il tempio dell’Innocenza, una costruzione a pianta circolare di gusto neoclassico, originariamente collocato al centro del lago, oggi situato al centro del giardino e riconoscibile per i glicini che lo decorano. 

Dal severo e funesto monumento dei piccoli martiri della seconda guerra mondiale, innalzato a memoria dell’eccidio, al cui interno fu eretto un monumento-ossario per tenere uniti i figli e ricordare al mondo il sacrificio delle vittime innocenti della guerra, al silenzioso e schivo monastero di Santa Chiara gestito dalle suore Clarisse. 

E voi ci siete mai stati?
Secondo noi è il posto giusto per lasciarsi trasportare indietro nel tempo. 

Per partecipare clicca qui

Torna su